Chiarimenti sul kanji: Bu

Clarifications on the origin of the character “Bu” “武”

The background of a false interpretation

In Asia as in the West, we often speak of the first Kanji of “Budo” (武道), the “Bu” (武), meaning “stopping the spear”. This is an interpretation that dates back almost to the origin of Budo, that aimed to draw the picture of peaceful martial arts, ignoring historical facts. Let’s go back to the origins of the term to determine its true meaning.

Kanji bu artistic calligraphy by sho.goroh.net

Kanji bu artistic calligraphy by sho.goroh.net

The current use of the Kanji “Bu” and its origin

The Kanji are the Chinese characters brought to Japan and introduced into the Japanese language through Buddhism around the 6th century.

First reserved to the religious community and literary figures and from there, spreading gradually at the pace of the alphabetization of the population.

The introduction of the Chinese characters into the pre-existing Japanese language, was achieved in three ways. First, adapting the Kanji closest to both, sound and meaning, then in terms of meaning and finally terms of sound. Many sounds did originally not exist in Japanese, but got integrated into the language to facilitate the implementation of the Kanji. We thus find words with the same meaning, but two different origins, “words of Yamato” (ancient Japan) and “Chinese words” from Chinese.
Let’s add an example. Derived from the Kanji “fue/zou” (増) meaning “increase”, the form “Fueru” (増える), the verb “to increase”, and “Zouka” (増加) “increase” as noun were created. “Fueru” already existed in Yamato, before the Kanji was introduced, and it was arbitrarily determined that this Kanji could be read “Fue”, while “Zo” from “Zouka” is derived directly from the Chinese pronunciation.

The multiple pronunciations that a single Kanji can have, are the result of the “forced” introduction of the Kanji into the Japanese language. Not everything could be adapted, syllabic Kana alphabets (Hiragana and Katakana) to modify the function of a word (verb, noun, adjective) got added, whilst the religious and official texts were still written entirely in Kanji over an extended period. (This is no longer the case and there are few Japanese who would be able to read a text containing no Kana.)
The Kanji “Bu” has its roots in China, it was designed before the 6th century, at a time when violence, terror and wars reigned. From there brought to Japan when the Chinese writing got simplified and evolved very little in the centuries to come.

It can be found in Japanese in terms much older than “Budo”, for example “Bujutsu” (武術) (war techniques), “Bugei” (武芸) (art of war), “Bushi” (武士) (soldier), “Buki” (武器) (weapon), etc.

Taking this into account, it is difficult to justify a “peaceful” interpretation of this Kanji by historical facts. But back to its composition to see more clearly.

The composition of the Kanji “Bu”

The Kanji “Bu” is a so called “Kai Moji”, meaning the combination of two Kanji to form a third one with the cumulative sense of the first two.
It was found in its primary form already 3 thousand years ago. Oracle bone script, the oldest form of Chinese writing,

Evolution of the Chinese Kanji Wu to the Japanese Kanji Bu

Evolution of the Chinese Kanji Wu to the Japanese Kanji Bu

A more detailed version presenting the evolution of each part of the Kanji as well as what they symbolize is available on Wiki.

The defenders of the theory “Hokodome”, of “Hoko” (戈) the spear, and “tome/dome” (止) stopping, thus meaning “stop the spear” decompose the Kanji as follows.
The interpretation of “Hoko”, spear, is accepted by all Japanese and Chinese experts and does not pose a problem.

However, the interpretation of “dome” is more problematic. It is absolutely true that “dome” is also the Kanji used for “stop, halt, terminate”…and if one is satisfied with a superficial analysis, it works.

But let’s not forget that the Japanese Kanji are a “forced” adaptation of Chinese characters on a preexisting language.

In the forum “Aikiweb”, Peter Goldsbury, linguist and researcher who was living in Japan for many years, presents two different interpretations, matching much better the historical background and are commonly accepted by researchers of the Japanese and Chinese language.

If we keep the idea of “stopping the spear”, then it is worth asking if this is the “stop to stop the fight” (pacifist meaning) or to “stop the spear in the enemy’s body” (martial meaning). This second interpretation makes more sense considering the history and any semantics surrounding the Kanji “Bu” (all words in which this Kanji is found).
But is it really the Kanji “dome” (stop) in the lower part? Nothing is less sure, if we believe the linguistic experts, searching again the origin of this Kanji. It seems that originally, it represents a footprint on the ground, with a detail concerning the movement.

​Only the Kanji of the oracle bone script gave us the meaning “stop” (止), but it is not because this Kanji standing alone has taken this meaning over time, that the same meaning has to be applied to the combination that makes the Kanji “Bu”. If one wishes to make a semantic explanation of the Kanji, we have to take its meaning at the time of its formation, and at that time, the lower part (4th Kanji in the image above) clearly meant “to move forward”.

“Bu” therefore means “to move forward with a spear”. The “Hokodome” theory has to be abandoned at this point and the true meaning of the Kanji appears. It is no longer “to stop the spear” but “to move forward with a spear”, like an army advancing towards the enemy.​

Ancient Halberd, symbolized by Kanji 戈
Continua su: https://www.seidoshop.com/blogs/the-seido-blog/41-clarifications-on-the-origin-of-the-character-bu

La cultura giapponese e cinese

Scopriamo la cultura cinese che ha ispirato altre culture e che è arrivata fino a noi

via La cultura giapponese e cinese — Viaggio Intorno al Tè, tea

Racconti dei saggi del Giappone

Un libro può essere un’opera d’arte. Anni trascorsi tra i remainders ingialliti, esposti sulle bancarelle dell’usato, e i tomi smangiucchiati e scollati delle biblioteche, mi hanno portata a dimenticarmi dell’estetica, a scordarmi che un testo può essere “bello”. Il volume Racconti dei saggi del Giappone di Pascal Fauliot (L’Ippocampo, 2008) è un vero piacere per […]

via Racconti dei saggi del Giappone — Unreliablehero

AINU – IL POPOLO DEL NORD

AINU – IL POPOLO DEL NORD

“Ainu” è il nome di una popolazione indigena del Giappone. Infatti, nonostante si pensi che nel Paese del Sol Levante ci sia una completa uniformità etnica composta dai Wajin (giapponesi), sono esistite e talvolta ancora esistono, delle varietà etniche, come quella rappresentata dagli antichi abitanti di Okinawa o, appunto, dagli Ainu. Sin dal periodo Jomon (12,000 – 2500 AC) essi hanno vissuto nella regione settentrionale chiamata comunemente “Hokkaido”, oltre che nel Nord dell’Honshu, sull’isola di Sachalin e sulle isole Curili.

Gli Ainu erano soliti vivere in villaggi (kotan), in armonia con la natura: praticavano la caccia, la pesca, la raccolta di prodotti naturali e l’agricoltura. Si impegnavano anche nel commercio marittimo, esportando prodotti in seta e raffinati manufatti in vetro. La loro era una religione di tipo animistico, cioè che riconosceva il sacro in ciò che apparteneva al mondo naturale. Portatori di una cultura unica all’interno dell’arcipelago nipponico, essi avevano anche una propria lingua.

A partire dall’epoca feudale, i crescenti contatti culturali e commerciali coi giapponesi, influenzarono reciprocamente i due popoli, seppur col passare del tempo, gli Ainu furono sempre più sfruttati e impoveriti. Col periodo Kamakura i Wajin rafforzarono la loro presenza nella regione settentrionale finendo per limitare le libertà e gli spazi degli Ainu. La coesistenza arrivò anche a punti di rottura, dove schieramenti di giapponesi e Ainu si diedero battaglia per il controllo del territorio, come avvenne per la battaglia di Koshimain (1457) e di Shakushian (1669). Usciti sconfitti dagli scontri, gli Ainu si trovarono sempre più dentro la sfera di controllo socioeconomico del clan Matsumae, il quale, a partire dal 1604, aveva ricevuto pieno potere dallo shogun Tokugawa Ieyasu per le zone interessate. Il clan Matsumae riorganizzò il territorio dividendolo tra “Wajinchi” (insediamenti giapponesi a meridione) e “Ezochi” (insediamenti “del resto” di Hokkaido). Dato che nel Nord era difficile far crescere il riso, gli Ainu divennero sempre più dipendenti dai giapponesi, seppur gli fosse permesso di commerciare con loro solo attraverso canali ufficiali., i cui tassi di cambio erano spesso sfavorevoli.

Fu specialmente nelle zone di confine che gli Ainu, a volte aiutati da qualche mercante, cercarono di entrare in contatto coi giapponesi per cercar di far valere le loro ragioni e migliorare le loro condizioni. Sono in queste aree che si diffusero indumenti e oggetti della cultura Ainu, come “Attusi” (vestiti ricavati da fibre dell’olmo della Manciuria), “Chikarukarupe” (indumenti di cotone), ma anche intarsi, vasellame ed altri manufatti quali “Ikupasuy” (un bastone rituale per offrire sake agli Dei). Anche strumenti musicali come “Mukkuri” (simile ad un’arpa), “Tonkori” (a cinque corde), “Yukar” (storie tramandate oralmente) e danze tradizionali. Inoltre, rituali religiosi come “Icharupa”(onorare gli antenati) e “Iomante” (“rimandare indietro” gli spiriti degli orsi) erano alla base della vita religiosa degli Ainu.

L’ultima sollevazione armata degli Ainu si ebbe nel 1789 ma, sconfitti, essi non poterono che assistere come spettatori al passaggio del Giappone all’età moderna in cui, anche per far fronte a possibili rivendicazioni della Russia sui territori settentrionali, venne deciso che, senza tener conto della distinzione con l’Ezochi, tutti gli abitanti della regione a Nord erano de facto giapponesi e che il nome dell’isola sarebbe stato “Hokkaido”. Gli Ainu si trovarono liberi dai loro vincoli socioeconomici, ma per sopravvivere dovettero fare i conti con una cultura dominante che esigeva la loro assimilazione: data la regolamentazione sul possesso delle terre, agli Ainu fu impedito l’accesso alle zone in cui tradizionalmente cacciavano, pescavano, e raccoglievano prodotti naturali. Le loro pratiche sociali furono vietate, mentre fu favorito il graduale disuso della loro lingua a favore del giapponese. Ciononostante, differenze evidenti coi Wajin li portarono ad essere a volte discriminati alla stregua di una casta inferiore. A tale riguardo, la messa in legge dell’atto per la protezione degli ex-aborigeni dell’Hokkaido nel 1899, seppe solo sensibilmente migliorare il loro tenore di vita.

Dopo il secondo conflitto mondiale il governo introdusse misure atte ad alleviare le difficoltà della comunità Ainu, costruendo per loro luoghi di ritrovo e garantendo loro servizi speciali, così da contrastare fenomeni di povertà ed esclusione sociale, ma con pochi risultati. Fu verso il 1975 che, in seno alla comunità Ainu, prese campo un movimento che seppe dare nuova vita ai loro rituali tradizionali (come “Icharupa” e “Iomante”), oltre che promuovere l’insegnamento della loro lingua. Nel 1997 poi venne approvato l’”atto per la promozione culturale degli Ainu”, secondo cui le nuove generazioni poterono studiare il loro idioma e partecipare a scambi con altre comunità indigene, al fine di rafforzare la propria identità. Sebbene non esistano più insediamenti di soli Ainu, la maggior parte di loro vive ancora nell’Hokkaido insieme ai giapponesi. Sono pochi quelli che ancora sanno parlare correntemente il loro idioma, anche se certe parole in lingua Ainu vengono pronunciate nei loro discorsi.

Inoltre, recentemente, un anime (cartone animato) giapponese chiamato “Golden Kamuy” la cui trama ruota attorno alle avventure di un soldato giapponese e di una ragazza Ainu nei primi anni del novecento, ha aiutato a far ulteriormente conoscere e sensibilizzare il grande pubblico verso la storia e la cultura di questo popolo indigeno del Giappone.

Nonostante lo stile di vita sia divenuto molto simile a quello dei giapponesi, la comunità Ainu continua tutt’oggi a preservare e promuovere la propria lingua e tradizioni.

Marco Furio Mangani Camilli

scritto da Redazione Giappone in Italia24 agosto 2019

Riapertura corsi 2019

11-PhotoFunia-1516567073Manca poco più di una settimana alla riapertura ufficiale del corso, ma siamo già in fibrillazione nella preparazione degli eveti che ci vedranno protagonisti. Già in questi giorni alcuni di noi toglieranno la polvere dalle lame e la ruggine dalle ossa per non farsi cogliere impreparati alla “prima”. Allenamenti non ufficiali ma non per questo inutili, restare fermi anche solo per due settimane azzera la memoria che necessita di allenamento e preparazione. Bentornati quindi alla realtà: contattate il gruppo per partecipare ed elevare lo spirito allo standard che vi siete prefissati.

La nuova stagione inizia da qui, accendete il guerriero che è in voi!

La nostra pratica è differente.