La porcellana cinese

La porcellana nel periodo Tang

ceramica-dinastia-tang.jpg
ceramica dinastia Tang

Sotto la dinastia Tang (618-907) crebbe la popolarità del tè e questo fece aumentare anche lo stimolo creativo della porcellana. I cinesi riuscirono a creare vasi vetrificati non soltanto sulla superficie verniciata ma anche internamente. I cinesi per fabbricare la porcellana usavano principalmente due minerali: il caolino, pura argilla bianca formata dalla decomposizione del feldspato di granito, e il petun-tse, un quarzo bianco fusibile, che dà al prodotto la sua traslucidità. Questi materiali venivano ridotti in polvere, lavorati con acqua in modo da ottenere una pasta, modellati con la mano o sulla ruota e sottoposti ad alte temperature, che trasformavano la composizione in una forma vitrea brillante e durevole. A volte i vasai ricoprivano la pasta, non ancora cotta, con una vernice e poi lo cuocevano in forno. Altre volte la applicavano dopo aver fatto cuocere la pasta due volte, ovvero producevano la porcellana Biscuit, nata in Cina nel XVII secolo. Queste vernici erano smalti fatti da con vetro colorato ridotto in polvere dal quale si otteneva poi un liquido applicabile con il fine pennello del pittore. Venivano dipinti fiori, paesaggi, animali, saggi che meditavano sulle montagne o cavalcavano strani animali.

La porcellana nel periodo Sung

cina - dinastia song casa aste christie's
Dinastia Song – Casa d’aste Christie
ceramica dinastia song
Ceramica dinastia Song

Durante la dinastia Song (960-1279) iniziò l’epoca classica della porcellana cinese. In questo periodo, presso le fabbriche di Ching-te-chen, nella provincia del Jiangxi, nel Sud-Est della Cina, iniziò la produzione di tazze, scodelle, piatti, giare quasi prettamente monocrome. Apparvero in questo periodo porcellane di colore verde giada che divennero famose con il nome di céladon, termine che deriva dal personaggio di un romanzo francese del XVII secolo che era sempre vestito di verde. Questi pezzi, grazie alla loro perfezione, sono andati a ruba dai giapponesi e rifiutano di venderli.

La porcellana nel periodo Ming

cina-ceramica-ming-1500
Ceramica dinastia Ming

Durante questo periodo, 1368-1644, gli artigiani hanno cercato di mantenere alto il livello dell’arte della porcellana raggiunto durante la dinastia Song e quasi ci riuscirono. In questo periodo apparvero le porcellane azzurre e bianche e monocrome gialle dette “gusci d’uovo“.

La porcellana nel periodo Qing

cina - dinastia qing

Durante le guerre che posero fine alla dinastia Ming le fabbriche di Ching-te-chen furono distrutte e furono ricostruite durante l’ascesa al trono di uno dei più illuminati sovrani della Cina, Kangxi, che governò dal 1661 al 1722. Gli artigiani riuscirono ad imitare le forme del periodo Ming e riuscirono a creare nuove forme e divennero maestri nell’arte della porcellana monocroma. Se non conoscete la Gaiwan qui un articolo per conoscere la tazza con coperchio.

La ceramica in Europa

gran bretagna doulton-burslem-tea-cup

La produzione della porcellana in Europa è iniziata solo vero il 1470 dai veneziani, arte che appresero dagli Arabi durante le Crociate. Nel 1840 le industrie inglesi cominciarono a fabbricare porcellana scadente a Canton e la esportarono con il nome di “cineserie” in tutta Europa. Le fabbriche di Sèvres in Francia, di Meissen in Germania e di Burslen in Inghilterra imitarono la lavorazione cinese. Con l’introduzione delle macchine abbassarono il costo di produzione e s’impadronirono sempre di più del mercato ma non riuscirono mai ad eguagliare le forme più belle della porcellana cinese.


via La porcellana cinese — Viaggio Intorno al Tè, tea

Se una notte d’inverno un viaggiatore ad Asakusa

100° Articolo: Una breve e disordinata Ode al Giappone. In Giappone accede sempre così, quando il cielo inizia a rosseggiare penso sempre ai bagni pubblici e al sakè. Oramai ogni volta che arrivo a Tokyo finisco sempre ad Asakusa, o molto vicino. Asakusa è stimolante, si mangia bene, si beve bene, e il quartiere è […]

via Se una notte d’inverno un viaggiatore ad Asakusa… — nicolaseuscripta

Essere attenti

Tutto-Insegna-Ajahn-Chah (scarica pdf)

In un boschetto di bambù, le vecchie foglie si ammucchiano attorno agli alberi, poi si decompongono e diventano concime. Eppure non ha affatto un bell’aspetto. Leggi tutto “Essere attenti”

Ichi go ichi e 

一 期 一 会, Ichi: uno; Go: tempo, periodo, età, stagione, sessione, opportunità; E: cerimonia, meeting, assemblea, incontro, letteralmente “una volta, un incontro” è un termine Giapponese che descrive un concetto culturale spesso legato al famoso maestro del te Sen no Rikyu. Leggi tutto “Ichi go ichi e “

L’importanza della postura

pexels-photo-1070030
Photo by Úrsula Madariaga

La postura in giapponese è definita 姿勢 (SHISEI).

(tradotto da Google)

SHI significa forma o figura e forza SEI o forza. In altre parole, shisei è la potenza della figura. Qualsiasi tecnica inizia e finisce in postura. Lo stesso si può dire per la scrittura con un pennello; ogni calligrafia inizia e finisce in postura. A livello fisico, postura riferisce al corretto allineamento del corpo necessaria per eseguire un compito con la tensione muscolare minimo. Per mantenere una buona postura, dobbiamo allenare il corpo a camminare, stare in piedi, si trovano, o familiare dove il minimo sforzo è posto sul sostegno muscoli e legamenti. Leggi tutto “L’importanza della postura”